3 semplici passi per perdere peso il più velocemente possibile. Leggi ora

Sintomi di carenza di vitamina D

Sintomi, cure, cause della carenza di vitamina D

Ecco otto sintomi che potrebbero indicare che hai una carenza di vitamina D, oltre a cause, trattamenti e altro.

Basato sull'evidenza
Questo articolo si basa su prove scientifiche, scritte da esperti e verificate da esperti.
Esaminiamo entrambi i lati dell'argomento e ci sforziamo di essere obiettivi, imparziali e onesti.
Carenza di vitamina D: sintomi, cure, cause e altro
Ultimo aggiornamento il 6 marzo 2023 e ultima revisione da parte di un esperto il 2 gennaio 2022.

La vitamina D è una vitamina estremamente importante che ha molte funzioni importanti in tutto il corpo.

Carenza di vitamina D: sintomi, cure, cause e altro

A differenza di altre vitamine, la vitamina D funziona come un ormone. Molte cellule del tuo corpo hanno un recettore per esso.

Il tuo corpo lo fa dal colesterolo quando la tua pelle è esposta alla luce solare.

Si trova anche in alcuni alimenti come pesce grasso e latticini fortificati, anche se è molto difficile ottenerne abbastanza dalla sola dieta.

La Endocrine Society raccomanda che la maggior parte degli adulti assuma 1.500-2.000 UI di vitamina D al giorno.

Indice

Perché la vitamina D è così importante?

Ci sono sette benefici chiave della vitamina D, con questo nutriente che potenzialmente aiuta con:

La carenza di vitamina D è molto comune. Si stima che circa 1 miliardo di persone in tutto il mondo abbia bassi livelli ematici di vitamina.

Secondo una recensione, il 41,6% degli adulti negli Stati Uniti è carente. Questo numero sale al 69,2% negli adulti ispanici e all'82,1% negli adulti afroamericani.

Sintomi di carenza di vitamina D

Ecco alcuni segni e sintomi di carenza di vitamina D.

Essere malati o contrarre infezioni spesso

Uno dei ruoli più importanti della vitamina D è mantenere forte il sistema immunitario in modo da poter combattere virus e batteri che causano malattie.

Interagisce direttamente con le cellule responsabili della lotta alle infezioni.

Se ti ammali spesso, specialmente con il raffreddore o l'influenza, i bassi livelli di vitamina D possono essere un fattore che contribuisce.

Diversi ampi studi osservazionali hanno mostrato un legame tra una carenza e infezioni del tratto respiratorio come raffreddore, bronchite e polmonite.

Diversi studi hanno scoperto che l'assunzione di integratori di vitamina D a un dosaggio fino a 4.000 UI al giorno può ridurre il rischio di sviluppare un'infezione del tratto respiratorio.

Riepilogo: la vitamina D svolge un ruolo importante nella funzione immunitaria. Uno dei sintomi più comuni di una carenza è un aumento del rischio di malattie o infezioni.

Fatica e stanchezza

La sensazione di stanchezza può avere molte cause e la carenza di vitamina D può essere una di queste.

Vitamina D — Una guida dettagliata per principianti
Consigliato per te: Vitamina D — Una guida dettagliata per principianti

Sfortunatamente, è spesso trascurato come una potenziale causa.

Casi di studio hanno dimostrato che livelli ematici molto bassi di vitamina D possono causare affaticamento che può avere un grave effetto negativo sulla qualità della vita.

Gli effetti della vitamina D sulla fatica e sulla qualità del sonno sono stati studiati anche nei bambini. In uno studio che ha coinvolto 39 bambini, bassi livelli di vitamina D sono stati associati a una scarsa qualità del sonno, a una durata del sonno più breve e a tempi di coricarsi ritardati.

Uno studio osservazionale su infermiere ha anche riscontrato una forte connessione tra bassi livelli di vitamina D e stanchezza auto-riferita. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che l'89% delle infermiere era carente di questa vitamina.

È interessante notare che diversi studi hanno anche scoperto che l'integrazione con vitamina D potrebbe ridurre la gravità della fatica nelle persone con una carenza.

Per ulteriori informazioni su come ridurre l'affaticamento, prendi in considerazione la lettura delle 11 migliori vitamine e integratori per aumentare l'energia.

Riepilogo: l'eccessiva stanchezza e affaticamento possono essere un segno di carenza di vitamina D. L'assunzione di integratori può aiutare a migliorare i livelli di energia.

Ossa e mal di schiena

La vitamina D aiuta a mantenere la salute delle ossa in diversi modi.

Consigliato per te: Quanta vitamina D dovresti assumere per avere una salute ottimale?

Per prima cosa, migliora l'assorbimento del calcio da parte del tuo corpo.

Dolore osseo e lombalgia possono essere segni di livelli inadeguati di vitamina D nel sangue.

Ampi studi osservazionali hanno trovato una relazione tra una carenza e la lombalgia cronica.

Uno studio su 98 persone con lombalgia ha scoperto che l'aumento della gravità del dolore era associato a livelli più bassi di vitamina D.

Un'altra revisione di 81 studi ha anche scoperto che le persone con artrite, dolori muscolari e dolore cronico diffuso tendevano ad avere livelli più bassi di vitamina D rispetto alle persone senza queste condizioni.

Riepilogo: bassi livelli ematici di vitamina D possono essere una causa o un fattore che contribuisce al dolore osseo e alla lombalgia.

Depressione

Un umore depresso può anche essere un segno di carenza di vitamina D.

Negli studi di revisione, i ricercatori hanno collegato la carenza di vitamina D alla depressione, in particolare negli anziani.

In un'analisi, il 65% degli studi osservazionali ha trovato una relazione tra bassi livelli ematici di vitamina D e depressione.

D'altra parte, la maggior parte degli studi controllati, che hanno un peso scientifico maggiore rispetto agli studi osservazionali, non ha mostrato un legame tra i due.

Tuttavia, i ricercatori che hanno analizzato gli studi hanno notato che i dosaggi di vitamina D negli studi controllati erano spesso molto bassi.

Inoltre, hanno osservato che alcuni degli studi potrebbero non essere durati abbastanza a lungo per vedere gli effetti dell'integrazione di vitamina D sull'umore.

Alcuni studi hanno dimostrato che somministrare vitamina D a persone carenti aiuta a migliorare la depressione, compresa la depressione stagionale, che in genere si verifica durante i mesi più freddi.

Consigliato per te: Vitamine liposolubili: Una panoramica completa

Riepilogo: la depressione è associata a bassi livelli di vitamina D e alcuni studi hanno scoperto che l'integrazione migliora l'umore.

Guarigione della ferita compromessa

La lenta guarigione della ferita dopo un intervento chirurgico o un infortunio può essere un segno che i livelli di vitamina D sono troppo bassi.

I risultati di uno studio in provetta suggeriscono che la vitamina aumenta la produzione di composti che sono cruciali per la formazione di nuova pelle come parte del processo di guarigione delle ferite.

Una revisione di quattro studi ha rilevato che la carenza di vitamina D ha compromesso alcuni aspetti della guarigione nelle persone che hanno subito un intervento chirurgico dental.

È stato anche suggerito che il ruolo della vitamina D nel controllare l'infiammazione e combattere le infezioni è importante per una corretta guarigione.

Un'analisi ha esaminato i pazienti con infezioni del piede legate al diabete.

Ha scoperto che quelli con una grave carenza di vitamina D avevano maggiori probabilità di avere livelli più elevati di marcatori infiammatori che possono compromettere la guarigione.

Sfortunatamente, ci sono pochissime ricerche sugli effetti degli integratori di vitamina D sulla guarigione delle ferite nelle persone con una carenza.

Tuttavia, uno studio che ha coinvolto 60 persone con ulcere del piede legate al diabete ha scoperto che l'assunzione di un integratore di vitamina D per 12 settimane ha migliorato significativamente la guarigione delle ferite rispetto a un gruppo di controllo.

Riepilogo: livelli inadeguati di vitamina D possono portare a una scarsa guarigione delle ferite a seguito di interventi chirurgici, lesioni o infezioni.

Perdita di massa ossea

La vitamina D svolge un ruolo cruciale nell'assorbimento del calcio e nel metabolismo osseo.

Molte persone anziane a cui viene diagnosticata una perdita ossea credono di dover assumere più calcio. Tuttavia, potrebbero essere carenti anche di vitamina D.

La bassa densità minerale ossea è un'indicazione che le tue ossa hanno perso calcio e altri minerali. Ciò espone gli anziani, in particolare le donne, a un aumentato rischio di fratture.

In un ampio studio osservazionale su oltre 1.100 donne di mezza età in menopausa o postmenopausa, i ricercatori hanno scoperto un forte legame tra bassi livelli di vitamina D e bassa densità minerale ossea.

Consigliato per te: 11 integratori per l'osteoporosi

Tuttavia, uno studio controllato ha scoperto che le donne carenti di vitamina D non hanno riscontrato alcun miglioramento della densità minerale ossea quando hanno assunto integratori ad alte dosi, anche se i loro livelli ematici sono migliorati.

Indipendentemente da questi risultati, ottenere un'adeguata assunzione di vitamina D e mantenere i livelli ematici entro l'intervallo ottimale può essere una buona strategia per proteggere la massa ossea e ridurre il rischio di frattura.

Riepilogo: una diagnosi di bassa densità minerale ossea può essere un segno di carenza di vitamina D. Assumere abbastanza di questa vitamina è importante per preservare la massa ossea con l'avanzare dell'età.

La perdita di capelli

La caduta dei capelli è spesso attribuita allo stress, che è sicuramente una causa comune.

Tuttavia, quando la caduta dei capelli è grave, può essere il risultato di una malattia o di una carenza di nutrienti.

La perdita dei capelli nelle donne è stata collegata a bassi livelli di vitamina D, anche se fino ad oggi ci sono pochissime ricerche al riguardo.

In particolare, la ricerca suggerisce che bassi livelli di vitamina D sono legati all'alopecia areata e possono essere un fattore di rischio per lo sviluppo della malattia.

L'alopecia areata è una malattia autoimmune caratterizzata da una grave perdita di capelli dalla testa e da altre parti del corpo. È associato al rachitismo, una malattia che causa la morbidezza delle ossa nei bambini a causa della carenza di vitamina D.

Uno studio condotto su persone con alopecia areata ha mostrato che livelli ematici di vitamina D più bassi tendono ad essere associati a una perdita di capelli più grave.

In un altro studio, è stato riscontrato che l'applicazione topica di una forma sintetica della vitamina per 12 settimane aumenta significativamente la ricrescita dei capelli in 48 persone con alopecia areata.

Molti altri alimenti e sostanze nutritive possono influire sulla salute dei tuoi capelli. Se soffri di caduta dei capelli, potresti essere interessato ai 14 migliori alimenti per la crescita dei capelli.

Integratori di calcio: Dovresti prenderli?
Consigliato per te: Integratori di calcio: Dovresti prenderli?

Riepilogo: la caduta dei capelli può essere un segno di carenza di vitamina D nella caduta dei capelli di tipo femminile o nella condizione autoimmune alopecia areata.

Dolore muscolare

Le cause del dolore muscolare sono spesso difficili da individuare.

Ci sono alcune prove che la carenza di vitamina D possa essere una potenziale causa di dolore muscolare nei bambini e negli adulti.

In uno studio, il 71% delle persone con dolore cronico è risultato carente di vitamina.

Il recettore della vitamina D è presente nelle cellule nervose chiamate nocicettori, che percepiscono il dolore.

Secondo una recensione, la vitamina D potrebbe essere coinvolta nelle vie di segnalazione del dolore del corpo, che potrebbero svolgere un ruolo nel dolore cronico.

Alcuni studi hanno scoperto che l'assunzione di integratori di vitamina D ad alte dosi può ridurre vari tipi di dolore nelle persone che ne sono carenti.

Uno studio su 120 bambini con carenza di vitamina D che soffrivano di dolori della crescita ha scoperto che una singola dose di vitamina riduceva i punteggi del dolore in media di 57%.

Riepilogo: esiste un legame tra dolore cronico e bassi livelli ematici di vitamina D. Potrebbe avere a che fare con l'interazione tra la vitamina e le cellule nervose sensibili al dolore.

Aumento di peso

L'obesità è un fattore di rischio per la carenza di vitamina D.

C'è anche una ricerca che indica che la carenza di vitamina D può aumentare anche il rischio di aumento di peso.

Uno studio longitudinale che includeva uomini e donne ha trovato un possibile legame tra un basso livello di vitamina D e sia il grasso addominale che l'aumento di peso. Tuttavia, questo studio ha scoperto che tali effetti erano più evidenti negli uomini.

Un'altra revisione conferma che mentre la carenza di vitamina D può essere osservata nei casi di obesità, sono necessari ulteriori studi per determinare se la vitamina D potrebbe aiutare a prevenire l'aumento di peso.

Ansia

Come con la depressione, potrebbero esserci collegamenti tra carenza di vitamina D e disturbi d'ansia.

Consigliato per te: La vitamina D può aiutarti a perdere peso?

Secondo una recensione, i livelli di calcidiolo, una forma di vitamina D, sono risultati più bassi nelle persone con ansia, così come in quelle con depressione.

Uno studio separato su donne in gravidanza ha scoperto che i livelli di vitamina D potrebbero aiutare a ridurre l'ansia, migliorare la qualità del sonno e possibilmente aiutare a prevenire la depressione postpartum.

Trattamento della carenza di vitamina D

Il trattamento per la carenza di vitamina D consiste principalmente nell'integrazione. Se il medico determina che ti manca davvero questo nutriente, potrebbe consigliarti le seguenti opzioni.

Supplementi

Una carenza di vitamina D può essere trattata con un'integrazione di vitamina D. Potresti trovarli facilmente da banco, ma dovresti chiedere al tuo medico consigli specifici per garantire il giusto dosaggio.

In caso di grave carenza o se i livelli non migliorano con gli integratori da banco, il medico può raccomandare la vitamina D su prescrizione. Questi sono disponibili in dosi molto più forti fino a 50.000 UI.

Un'altra potenziale opzione che il medico potrebbe prendere in considerazione sono le iniezioni di vitamina D.

Rimedi naturali

Oltre all'integrazione di vitamina D, il medico può consigliare di aggiungere più alimenti ricchi di vitamina D alla dieta quotidiana. Le opzioni possono includere:

Poiché la luce solare è anche una fonte naturale di vitamina D, il medico può consigliare di uscire più spesso. Tuttavia, dati gli effetti negativi di un'eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti (UV), è necessario seguire attentamente le istruzioni del medico.

Cause di carenza di vitamina D

Avere una carenza di vitamina D è definita come avere livelli ematici inferiori a 20 ng/mL.

Non esiste un'unica causa per avere questo tipo di carenza nutrizionale, ma il rischio complessivo può essere collegato a determinate condizioni sottostanti, nonché a fattori dello stile di vita.

Ecco alcuni dei fattori di rischio più comuni per la carenza di vitamina D:

Consigliato per te: Zinco: benefici, carenza, fonti alimentari ed effetti collaterali

Le persone che vivono vicino all'equatore e si espongono frequentemente al sole hanno meno probabilità di essere carenti, poiché la loro pelle produce abbastanza vitamina D.

Quando vedere un dottore

La maggior parte delle persone non si rende conto di essere carente di vitamina D, poiché i sintomi sono generalmente sottili. Potresti non riconoscerli facilmente, anche se influiscono in modo significativo sulla qualità della tua vita.

Come regola generale, potresti considerare di chiedere al tuo medico di controllare la carenza di vitamina D se noti possibili sintomi e hai fattori di rischio. Possono controllare i livelli di vitamina D con un esame del sangue.

Il tuo medico può anche aiutarti a escludere altre cause dietro alcuni dei sintomi che stai riscontrando.

La carenza di vitamina D è incredibilmente comune e la maggior parte delle persone non ne è consapevole.

Questo perché i sintomi sono spesso sottili e non specifici, il che significa che è difficile sapere se sono causati da bassi livelli di vitamina D o da altri fattori.

Se pensi di avere una carenza, devi parlare con il tuo medico e farti misurare i livelli ematici.

Fortunatamente, una carenza di vitamina D di solito è facile da risolvere.

Puoi aumentare l'esposizione al sole o aggiungere più cibi ricchi di vitamina D alla tua dieta, come pesce grasso o latticini fortificati.

Consigliato per te: 7 comuni carenze di nutrienti

In alcuni casi, il medico può anche consigliare di assumere un integratore di vitamina D. Parla sempre con il tuo medico prima se stai pensando di aggiungere integratori al tuo regime di trattamento.

Correggere la tua carenza è semplice, facile e può avere grandi benefici per la tua salute.

Condividi questo articolo: Facebook Pinterest WhatsApp Twitter / X Email
Condividi

Altri post che potrebbero piacerti

Le persone che stanno leggendo “Carenza di vitamina D: sintomi, cure, cause e altro”, adorano anche questi articoli:

Temi

Sfoglia tutti gli articoli