3 semplici passi per perdere peso il più velocemente possibile. Leggi ora

Le persone con diabete possono mangiare i datteri?

Preoccupazioni ed effetti sulla glicemia

A causa della loro naturale dolcezza, l'effetto dei datteri sulla glicemia può essere un problema per chi soffre di diabete. Questo articolo analizza se le persone con diabete possono mangiare tranquillamente i datteri.

Diabete
Basato sull'evidenza
Questo articolo si basa su prove scientifiche, scritte da esperti e verificate da esperti.
Esaminiamo entrambi i lati dell'argomento e ci sforziamo di essere obiettivi, imparziali e onesti.
Le persone con diabete possono mangiare i datteri?
Ultimo aggiornamento il 28 giugno 2023 e ultima revisione da parte di un esperto il 18 luglio 2022.
Indice

I datteri sono i frutti dolci e carnosi della palma da dattero. Sono tipicamente venduti come frutta secca e vengono gustati da soli o in frullati, dessert e altri piatti.

Le persone con diabete possono mangiare i datteri?

A causa della loro naturale dolcezza, il loro impatto sulla glicemia può essere un problema per chi soffre di diabete.

Questo articolo analizza se le persone affette da diabete possono mangiare tranquillamente i datteri.

Perché le date sono un problema?

I datteri racchiudono una grande quantità di dolcezza in un boccone relativamente piccolo. Sono una fonte naturale di fruttosio, il tipo di zucchero presente nella frutta.

Ogni dattero secco e snocciolato (circa 24 grammi) contiene 67 calorie e circa 18 grammi di carboidrati.

I livelli di zucchero nel sangue possono essere difficili da gestire per le persone affette da diabete, e a chi soffre di questa patologia si consiglia di tenere sotto controllo l’assunzione di carboidrati.

Dato il loro elevato contenuto di carboidrati, i datteri possono destare preoccupazioni.

Tuttavia, se consumati con moderazione, i datteri possono far parte di una dieta sana se si soffre di diabete.

Un solo dattero essiccato contiene quasi 2 grammi di fibre, pari all'8% del valore giornaliero.

Si tratta di un aspetto importante, in quanto le fibre alimentari aiutano il tuo corpo ad assorbire i carboidrati a un ritmo più lento, il che è particolarmente importante per le persone affette da diabete. Più i carboidrati vengono digeriti lentamente, meno è probabile che la glicemia subisca un’impennata dopo il pasto.

Riepilogo: I datteri vantano un profilo nutritivo impressionante ma sono piuttosto dolci. Tuttavia, sono ricchi di fibre, che aiutano il tuo corpo ad assorbire gli zuccheri più lentamente. Se consumati con moderazione, sono una scelta sicura e salutare per le persone affette da diabete.

Come i datteri influenzano la glicemia

L’indice glicemico (IG) è un modo per misurare l’effetto dei carboidrati sui livelli di zucchero nel sangue.

Si misura su una scala da 0 a 100, con il glucosio puro (zucchero) assegnato a 100 - il massimo che la glicemia può raggiungere dopo aver mangiato un alimento.

Le banane fanno ingrassare o fanno perdere peso?
Consigliato per te: Le banane fanno ingrassare o fanno perdere peso?

I carboidrati a basso indice glicemico hanno un indice glicemico di 55 o inferiore, mentre quelli ad alto indice glicemico hanno un indice di 70 o superiore. I carboidrati a medio indice glicemico si collocano nel mezzo, con un IG di 56-69.

In altre parole, un alimento con un basso IG provoca fluttuazioni meno significative dei livelli di zucchero e di insulina nel sangue.

D’altra parte, gli alimenti con un IG elevato fanno impennare rapidamente la glicemia. Questo può spesso portare a un crollo degli zuccheri nel sangue, soprattutto nelle persone con diabete, il cui organismo ha maggiori difficoltà a controllare queste variazioni.

Le persone affette da diabete dovrebbero generalmente cercare di attenersi agli alimenti con un IG più basso. Questo aiuta a gestire i livelli di zucchero nel sangue. Nelle persone affette da diabete di tipo 2, lo zucchero può accumularsi nel sangue e salire a livelli pericolosamente alti.

Fortunatamente, nonostante la loro dolcezza, i datteri hanno un basso indice glicemico. Ciò significa che, se consumati con moderazione, sono sicuri per le persone affette da diabete.

Uno studio ha esaminato l’IG di 1,8 once (50 grammi) di 5 varietà comuni di datteri. È emerso che in genere hanno un IG basso, compreso tra 44 e 53, che può variare leggermente a seconda del tipo di dattero.

Consigliato per te: Come le banane influenzano il diabete e i livelli di zucchero nel sangue

Non c’è stata alcuna differenza significativa nell’indice glicemico dei datteri quando sono stati misurati in persone con e senza diabete.

Un’altra utile misura dell’effetto di un alimento sulla glicemia è il carico glicemico. A differenza dell’indice glicemico, il carico glicemico tiene conto della porzione consumata e della quantità di carboidrati presenti in quella particolare porzione.

Per calcolare il carico glicemico, moltiplica l’indice glicemico dell’alimento per i grammi di carboidrati presenti nella quantità che stai mangiando e dividi questo numero per 100.

Ciò significa che 2 datteri secchi (48 grammi) hanno circa 36 grammi di carboidrati e un indice glicemico di circa 49. Ciò equivale a un carico glicemico di circa 18.

I carboidrati a basso carico glicemico sono compresi tra 1 e 10; quelli a medio carico glicemico sono compresi tra 11 e 19; mentre quelli ad alto carico glicemico sono compresi tra 20 e oltre. Questo significa che uno spuntino composto da 2 pacchetti di datteri e da un carico glicemico medio.

Se hai il diabete, cerca di mangiare non più di 1 o 2 datteri alla volta. Mangiarli insieme a una fonte di proteine, come una manciata di noci, permette inoltre di digerire i carboidrati più lentamente, aiutando ulteriormente a prevenire i picchi di zucchero nel sangue.

Riepilogo: I datteri hanno un basso indice glicemico, il che significa che è meno probabile che facciano impennare i livelli di zucchero nel sangue, il che li rende una scelta sicura per le persone con diabete. Inoltre, i datteri hanno un carico glicemico medio, il che significa che 1 o 2 frutti alla volta sono una buona scelta.

Sommario

I datteri vantano un profilo nutrizionale impressionante e una dolcezza naturale.

Consigliato per te: Come il mango influisce sul diabete e sui livelli di zucchero nel sangue

Poiché sono una fonte naturale di fruttosio, potrebbero essere un problema per le persone affette da diabete.

Tuttavia, poiché hanno un basso indice glicemico e un carico glicemico medio, sono sicuri per chi soffre di diabete se usati con moderazione, il che significa non più di 1 o 2 datteri per volta.

Condividi questo articolo: Facebook Pinterest WhatsApp Twitter / X Email
Condividi

Altri post che potrebbero piacerti

Le persone che stanno leggendo “Le persone con diabete possono mangiare i datteri?”, adorano anche questi articoli:

Temi

Sfoglia tutti gli articoli